Scuola internazionale delle Arti e della Cultura italiana

aef international school blog

Il nostro Palazzo Niccolini: la storia

palazzo niccolini Palazzo Niccolini, sede dell’AEF, è un palazzo storico situato in via Cavour n.37, una delle più importanti vie della città di Firenze. Originariamente la strada si chiamava via Larga degli Spadai, per la presenza di numerose botteghe di armaioli che forgiavano spade, ma presto il nome si semplificò in via Larga per uso comune.

In quegli anni, a rendere magnifica la strada era la sua ampiezza rispetto ad altre, come testimonia l'incisione settecentesca di Giuseppe Zocchi. Il nome attuale deriva da Camillo Benso conte di Cavour, personaggio centrale nella storia italiana, che contribuì in maniera fondamentale all’unificazione dello Stato italiano. Cavour morì qualche mese dopo la proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861 e, sulla scia della commozione e dell’entusiasmo patriottico, il 27 giugno dello stesso anno, il marchese Ferdinando Bartolommei, gonfaloniere di Firenze, propose di intitolargli quella che fino ad allora si chiamava via Larga.

Per molti secoli, Via Larga è stato il luogo prediletto di spettacoli e giostre, come si vede nell’affresco del 1561 di Giovanni Stradano in Palazzo Vecchio, in cui la folla segue la giostra del Saracino. Diventa poi ancora più importante a metà del ‘400, quando la famiglia Medici decide di edificarvi il famoso Palazzo Medici, fra i principali monumenti del Rinascimento. Da quel momento in poi, la strada diventa un vivace centro politico e finanziario dove si potevano incontrare ricchi mercanti e potenti personaggi pubblici. È qui che nel 1494 venne accolto il re di Francia Carlo VIII. 

I più antichi proprietari di Palazzo Niccolini furono i membri della famiglia Salvatici che lo eressero su tre precedenti case. La proprietà cambiò più volte nel corso dei secoli: nel 1755 Ippolito Scaramucci acquistò il palazzo, nel 1794 passò ai Borghi, i cui discendenti nel 1850 lo vendettero ad Alessandro Tognozzi-Moreni, che apparteneva a una famiglia nobilitata alla fine del ‘700. I discendenti dei Tognozzi-Moreni lo cedettero nel 1940 alla società Manetti&Roberts.
La facciata del palazzo è a intonaco e si sviluppa su quattro piani organizzati su sei assi. Al piano terra, il prospetto appare asimmetrico e il portone in posizione decentrata. Le tre finestre, protette da grate, conservano un’elegante cornice a rilievo di disegno settecentesco. 

Nei palazzi storici fiorentini il primo piano era detto “piano nobile”: qui i proprietari ricevevano gli ospiti e tenevano balli e banchetti. Nel “nostro” Palazzo Niccolini le quattro finestre centrali del piano nobile sono incoronate da un timpano semicircolare, mentre le due estreme da timpano triangolare. Le finestre dei piani superiori hanno un decoro diverso. Sulla facciata si notano inoltre due stemmi: uno scudo in pietra con l’emblema della famiglia Salvatici, ed uno scudo in terracotta riferibile alla famiglia Tognozzi-Moreni. 

Il palazzo è intitolato a Giovan Battista Niccolini, famoso tragediografo nato nel 1782 in provincia di Pisa e morto qui, come riporta l’iscrizione che si trova sulla facciata. Giovane di sentimenti repubblicani ed anticlericali, compose tragedie di carattere politico che avevano un unico scopo: la condanna della tirannia, soprattutto quella teocratica. Niccolini nacque in una famiglia povera ma, grazie al suo talento, ottenne la protezione della Principessa Elisa, regina d’Etruria, ed il posto di segretario all’Accademia di Belle Arti a Firenze. La sua prima opera drammatica fu Polissena, pubblicata nel 1810, a cui seguirono Edipo, I Sette a Tebe, Agamennone e Medea

A Giovan Battista Niccolini è dedicato anche il Teatro del Cocomero, attualmente Teatro Niccolini, situato nella via Ricasoli e prospiciente il Duomo, e la via Niccolini a Firenze. La tomba di Niccolini si trova nel Pantheon dei fiorentini, cioè la Basilica di Santa Croce: è un sepolcro monumentale, con una imponente scultura in marmo di Pio Fedi, che raffigura la Statua della Libertà della Poesia. È proprio a questo monumento che si ispirò lo scultore francese Bartholdi, per la famosissima Statua della Libertà di New York. 

Conoscere la storia del nostro Palazzo Niccolini, sede di AEF, non sarebbe stato possibile senza l’aiuto prezioso e lo studio approfondito di Martina Massimilla, giovane e appassionata archivista. Grazie da tutti noi per averci fatto conoscere questo pezzo di storia e averci reso ancora più consapevoli della fortuna che abbiamo di studiare, lavorare e soprattutto vivere ogni giorno all’interno di questo meraviglioso Palazzo!
0
0
0
s2sdefault

Questo sito utilizza i "cookie" per facilitare la navigazione dell'utente. Usando il sito l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo